You are currently viewing 19 ANNI DOPO CORRE UN FIUME INARRESTABILE. LA VOLONTA’ DI RISCATTO

19 ANNI DOPO CORRE UN FIUME INARRESTABILE. LA VOLONTA’ DI RISCATTO

  • Autore dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Falcone e Borsellino: due nomi, un solo luogo del nostro immaginario collettivo, a testimonianza di una tragedia che ha colpito tutti, un intero popolo. E’ difficile scindere questo binomio, impossibile parlare di Giovanni, senza immediatamente ricordare Paolo. Nella nostra mente si è insediato un automatismo che sarà difficile rimuovere. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino erano uniti in vita, legati da un “mestiere” che per loro era missione: liberare la società civile dall’oppressione di una “mala pianta”- la mafia – che nasce, vive e prospera nello stesso umore nutritivo prodotto dalla Sicilia. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sono ora inscindibili nella nostra memoria. Come accade per quanti diventano simbolo contro la loro stessa volontà, eroi soltanto per aver voluto esercitare il diritto di affermare le proprie idee, per aver rifiutato la via facile dell’accomodamento e del quieto vivere. La loro fine, orribile e tragica, li ha fusi insieme.

Simboli della lotta alla mafia e per questo la mafia decise di eliminarli con spietata ferocia. Ciò che quel disegno criminale non volle o non potè capire è che quei simboli avrebbero continuato a vivere nelle coscienze e nella caparbia volontà di chi non si è mai piegato alla logica mafiosa e che la loro memoria, insieme a quella di tanti altri eroi, avrebbe alimentato un fiume inarrestabile di volontà di riscatto. Ciò che qualcuno voleva sradicare  è germogliato più forte che mai. L’esempio e il ricordo di Giovanni e Paolo e di chi con loro perse la vita per i più alti valori dello Stato ci devono spingere a concludere il lavoro intrapreso, e da molti coraggiosamente condotto, con straordinari successi, in questi anni, fino alla sconfitta definitiva della criminalità mafiosa. 19 anni dopo via d’Amelio, al sentimento di dolore che ogni volta si rinnova, in maniera immutata, al ricordo di quel tragico episodio, si aggiunge oggi un senso di orgoglio e di rimpianto per Paolo Borsellino, un autentico eroe italiano dei nostri tempi.

Lascia un commento