You are currently viewing IL GLADIATORE DEL PdL CHE AMAVA I TRANS ….

IL GLADIATORE DEL PdL CHE AMAVA I TRANS ….

  • Autore dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Alemanno diceva che era un presidente sempre in pista. E, in effetti, ora che si è fermato ai box si capisce perché. Di lui si ricorda la nota intervista a “Mi manda Rai Trans” su come vengono pagati i mutui in Brasile. Dovevamo capire da li! Non si sa perché quando entrava nel Palazzo della Provincia i commessi, per non saper né leggere né scrivere, si piantavano contro il muro. Storace diceva che era un presidente sempre in pista. Pista sì, ma di coca. Povero “gladiatore”: la sua discesa non si ferma più. Dagli altari dove stringeva la mano al Papa alla polvere di via Appia, per quanto nella polvere, a ben vedere, ci fosse già. Eccome. Davanti ai poliziotti romani che lo portavano in ospedale l’ex presidente di circoscrizione avrebbe gridato sorridendo “Mi piace il pisello ahahahahaha”. Sniffare droga e piselli deve essere eccitante e con Raimundo famolo strano è facile sballare. Del resto anche come politico il gladiatore de Ostia ha sempre dimostrato di avere un bel naso. Poi la palla gira. E’ così che verso le tre si è affacciato dal balcone del trans Tiago black Dal Monte meglio noto nel quartiere Appio come “miss 29”; dove 29 non sta ad indicare gli anni.

Gridava frasi sconnesse del tipo “mi piace quello dei negri” , “tutto il mondo deve sapere che sono io la femmina di Felipe Costa detto o Pitone” “non fermarti che mi fa male” e anche frasi di carattere politico tipo “mussolini era ricchione” o “alemanno Pedro è morto più bona de tu moje” . A cercare di calmarlo quattro trans con molto borotalco sotto il naso. O almeno sembrava borotalco. Una è stata individuata dalla polizia è trattasi di Raimundo “terzagamba” Silva do santos. Le altre solo in foto e dovrebbero essere Juan “squarcia culo” Cesar, Gilberto “o elefante” Alves e Luis “fabuloso” Sucàr Ma il “gladiatore” continuava a gridare “datemene ancora” . “Non mi basta mai” “Quanto è bello e quanto è bello er pisello”. E il “gladiatore” continuava a gridare “datemene ancora”. No di coca no! Chi ha assistito alla scena, ricorda di aver visto quattro o cinque trans scappare dal palazzo. Molti spiegano che il gladiatore sembrava vaneggiare, dicendo frasi sconnesse tipo “è bello er pisello”. Urlava, qualcuno pensava che lo avessero aggredito perché non riusciva ne a camminare ne a stare in piedi, come se avesse un grande dolore nel fondo schiena. Per questo hanno chiamato la polizia e la guardia medica. Poi il gladiatore è stato ricoverato in ospedale Grassi di Ostia a seguito di una intossicazione da droga, dopo aver partecipato a un festino a base di cocaina e trans. Ora sta molto meglio essendo costretto a letto solo da un fastidioso, ma non più doloroso, prurito al culo.

Lascia un commento