You are currently viewing IO VOTEREI UN PRETE POVERO:OMALLEY

IO VOTEREI UN PRETE POVERO:OMALLEY

  • Autore dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Conosco personalmente l’arcivescovo di Boston cardinale O’Malley, celebre per la sua semplicità e i suoi sandali da frate cappuccino.  Barba bianca, saio marrone, la battuta pronta e la capacità di ricostruire sulle macerie: Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston, incarna la semplicità del frate cappuccino e il coraggio di chi non evita le sfide. che ha iniziato la sua esperienza pastorale a Washington, dove nel 1980 ha fondato il Centro Catolico Hispano, oggi la più grande organizzazione per l’assistenza umanitaria ai profughi e immigrati dell’America Latina. Nel Cinquecento i cappuccini abbracciarono lo spirito originale di San Francesco tornando a una vita di povertà e Vangelo, e ancora oggi sono considerati l’ordine religioso più vicino al popolo. Posso dire che ha tutte le caratteristiche pastorali delle quali la Chiesa ha urgente bisogno, ed è opinione di molti, infatti, che sarebbe proprio la persona adatta per operare un cambiamento vero nella Chiesa cattolica. Ricordo che fu trasferito a Boston nel 1984. Al suo arrivo nella città, O’Malley ha trovato una situazione che definire disastrosa è poco. La diocesi era stata travolta dallo scandalo dei preti pedofili, le chiese si erano svuotate, la curia si trovava a dover rispondere a moltissime richieste di risarcimento da parte delle vittime. Il nuovo arcivescovo è stato diretto e preciso nel fronteggiare il problema: ha venduto il vescovado (palazzi, appartamenti, ecc…) e ha destinato tutto il ricavato alle vittime della pedofilia.

Ha deciso di vivere in una stanza del seminario della città, con solo lo stretto necessario. In pochi anni, il frate cappuccino diventato arcivescovo è riuscito a ricostruire l’immagine della Chiesa cattolica a Boston, a richiamare i fedeli nelle chiese e a ridare vita alle vocazioni. Nel 2006 papa Benedetto XVI lo ha nominato cardinale e gli ha affidato l’incarico di recarsi in Irlanda per stendere un rapporto su come le diocesi hanno trattato i casi di pedofilia. Ha anche attaccato i cardinali di curia Bertone, Sodano e Sandri – che ora gli fanno la guerra- per aver coperto l’ex arcivescovo di Vienna Groer e il fondatore dei Legionari di Cristo padre Marcial Maciel, riconosciuti troppo tardi colpevoli di abusi sessuali. foto by Leo Nodari (Braintree, MA, 02/12/13) Cardinal Sean P. O’Malley remarks on the resignation of Pope Benedict during a press conference at the Archdiocese of Boston’s Pastoral Center on Tuesday February 12, 2013. Staff photo by John Wilcox. Boston Herald

Lascia un commento