PERCHÈ IL RUGGITO

Le persone, ormai, si avvicinano ai quotidiani come fanno con i partiti politici: un gesto abitudinario, oramai assuefatti dalla nullità di vecchi giochi sempre uguali a se stessi. Si capisce, in spazi simili, quale ruolo limitato può avere la Satira, genere antico e profondamente etico oramai sconosciuto ai più in nome di un finto Politically Correct. Non solo la Satira ma un qualunque esercizio di pensiero disposto a riflettere e a muoversi per urticare a fin di bene. Questo è “Il Ruggito”, uno spazio indipendente fatto di tanti episodi, che si è affermato grazie al quotidiano online “Certastampa”, che lo ha supportato, amplificandolo, e senza il quale non avrebbe di certo avuto lunga vita. “Il Ruggito”, figlio di altri spazi di riflessione, è nato come punto d’incontro della mia libertà d’espressione, della passione di scrivere e di un mio salutare bisogno di deridere il potere segnalandogli le sue intrinseche contraddizioni e debolezze. Uno spazio satirico per raccontare fatti e personaggi abruzzesi, principalmente teramani, in un modo diverso. Attraverso “Il Ruggito” ho provato a fare satira partendo dall’informazione e aggiungendo quell’ironia necessaria per giocare in maniera canzonatoria, perché questi sono i valori che mi appartengono. Il Ruggito è disposto ad accettare critiche, attacchi e censura. Per questa ragione ci proverò ancora. Quando? Quando avrò la voglia di riflettere ad alta voce. Ringrazio per ora tutte le persone che mi hanno seguito e che continuano a leggermi.

ULTIMI ARTICOLI

Si lo so, ho esaurito le parole. Non incanto più, non mi entusiasmo più, non trovo più la chiave per far esplodere l’applauso. Quindi ho smesso di parlare. Ma, quando ad invitarmi è una scuola

NE VALEVA LA PENA

Alla fine, in quell’attimo prima di spirare, Gesù si sarà chiesto se “Ne valeva la pena?” Questi giorni ci invitano a riflettere sulla passione, che non è un incidente di percorso presto risolto sul cammino

Tiresia è una figura che mi ha sempre affascinato e che ho coltivato nel tempo. Ricordo il piacere che ho provato quando ho letto la prima volta “La terra desolata” di Eliot. Fino ad allora

Anche nell’aula tesi del Dams della “Sapienza” di Roma questo pomeriggio, alle 16, si parlerà di Lucio Dalla. Questa volta non parlerò dei numerosi concerti organizzati insieme, ne del rapporto che avevi con la mia

La scuola è, per eccellenza, il luogo nel quale la memoria si intreccia con il respiro del mondo che va verso il futuro possibile delle menti e dei cuori dei nostri giovai. Eppure non sono

MATERA OPEN FUTURE

E’ arrivato il grande giorno per quel paesaggio che Pasolini definì “assoluto”: un presepe di tufo che per 365 giorni sarà teatro di musica, teatro, performance e acrobazie del pensiero. “Open Future” è il titolo-filo