You are currently viewing QUESTA SERA IN TV FINALMENTE TORNA CORADO GUZZANTI

QUESTA SERA IN TV FINALMENTE TORNA CORADO GUZZANTI

  • Autore dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Tra un Rambo depresso e un Lorenzo invecchiato, torna finalmente in tv Corrado Guzzanti con lo speciale “Aniene 2 – Molto rigore per nulla”, con evidente riferimento all’era Monti. In onda in esclusiva  questa sera su Sky Uno HD alle 21.10.   Un appuntamento con la satira più corrosiva e insieme intelligente della nostra Tv. A un anno di distanza dal primo esperimento satellitare, ecco un nuovo appuntamento con la satira politica corrosiva e la raffinata comicità in perfetto stile Guzzanti che mixa vecchie e nuove creature, tra passato e futuro. Tra la prima e la seconda edizione di “Aniene” di acqua sotto i ponti ne è passata davvero tanta. Al posto del governo Berlusconi ci sono i Professori e i tecnici guidati da Mario Monti, al posto della Lega ci sono i grillini, al posto del bunga bunga il rigore. Corrado Guzzanti non risparmia nessuno. E grazie alle sue irresistibili battute e alle sue maschere ci mostra l’attualità con una lente diversa che fa luce sulle deformazioni della nostra società.

Ogni sketch, fulminante e destinato a far ridere ma anche a far riflettere, è costruito mescolando il meglio e il peggio dell’attualità di cui proponene una lettura alternativa, generando un’intuizione, lasciandoci una provocazione. Corrado Guzzanti è un genio riluttante. Uno che ha dispensato solo parte di quel che ha prodotto (per pigrizia? pudore? parsimonia?), che ci ha tuttavia regalato sprazzi di felicità infantile pronunciando «’mbuti» dal profondo del cuore, ha colto l’anima, ancor prima che la gestualità, di schiere di ciarlatani più o meno consapevoli, che ha studiato Bertrand Russell e poi, per una forma di contegno di sé e della vita ha parodiato Emilio Fede. Scritto da Corrado Guzzanti rispetto ad Aniene regala «molti più personaggi strani, tipo Rambo, anche se oltre ad Aniene ritroviamo ad esempio don Pizzarro e Tremonti. Da non perdere.  

Lascia un commento