You are currently viewing SARA’ UNA PERSECUZIONE… MA GLI HOBBY DEGLI AMICI DI BERTOLASO LI HAI PAGATI TU

SARA’ UNA PERSECUZIONE… MA GLI HOBBY DEGLI AMICI DI BERTOLASO LI HAI PAGATI TU

  • Autore dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Alla fine la valanga è arrivata.  Da giorni il nome di Bertolaso era lì per essere detto.  Poca cosa. Robetta da due trecento milioni.  Ma certo è una persecuzione. Solo per caso il decreto legge sulla Protezione civile spa c’è lo “scudo” per i commissari. Ma certo è una persecuzione. Forse ha ragione Berlusconi. Forse Bertolaso è innocente. Nulla di irregolare nei cantieri per il G8 sull’isola della Maddalena. Lo sostiene Guido Bertolaso, che è anche commissario delegato per il G8, “soggetto attuatore” e poi coordinatore degli appalti da 400 milioni di euro per il supervertice tra capi di Stato, che doveva tenersi alla Maddalena dall’8 al 10 luglio 2009.  Come risulta chiaro dalle varie inchieste de l’espresso appalti senza pubbliche gare d’appalto, così come i progetti, coperti dal segreto di Stato. Ma certo è una persecuzione. Anche se sollevando le questioni di sicurezza, il velo della riservatezza si incontra ben altro, nei cantieri sull’isola della Maddalena.

  Quando è venuto a pescara l’autore dell’inchiesta per l’espresso fabrio gatti ci ha ricordato che il segreto di Stato ha impedito di vedere le spese gonfiate. Costi di costruzione da capogiro a più di 4.200 euro al metro quadro (erano previsti 820 €) Lavoratori senza contratto. Operai pagati con fondi neri. Le minacce del caporalato.  E’ un curioso legame d’affari – ci dice l’espresso- tra la famiglia del coordinatore della struttura di missione della Protezione civile, Angelo Balducci, e l’impresa che a fine lavori guadagnerà di più. L’Anemone. Ma certo è una persecuzione. E forse ha torto L’espresso, che non smentito ha pubblicato che il contratto più ricco tra ditte che si sono aggiudicate gli appalti più ricchi alla Maddalena – uno dei più grossi appalti pubblici nazionali, in un momento di grave difficoltà dell’economia e delle casse dello Stato – è andato a imprenditori in affari proprio con Rosanna Thau, 62 anni la moglie del presidente del Consiglio superiore dei Lavori pubblici, Balducci, braccio operativo nei grandi appalti della Protezione civile, massima carica dell’organo che valuta e guida le opere del ministero alle Infrastrutture di Altero Matteoli (An).

La quale precisa alla stampa che detti milioni di euro gestiti dalla Erretifilm srl, società di produzioni cinematografiche, riguarda “attività hobbistiche”. E sempre inchieste de l’espresso ci ricorda che è così anche altri “servizi vari” per soli 1 milione e 330 mila euro assegnati alla stessa società della moglie di Balducci, e un imprenditore che occupa lo stesso studio della signora …per hobby.  Balducci smentisce l’esistenza di legami d’affari tra la sua famiglia e l’Impresa Anemone costruzioni intorno a cui, come ha rivelato L’espresso, ruota una fetta da 317 milioni di euro sui 300 che saranno spesi per costruire le strutture del G8.  Sempre dall’espresso leggiamo che il supermanager dello Stato ingegner Balducci sostiene che c’è solo casuale “identità dello studio professionale usato dalla ditta Anemone e un componente della sua famiglia.  La nota del presidente del Consiglio superiore dei Lavori pubblici nasconde il resto della storia.  Ma è tutto scritto nei documenti depositati in Camera di commercio dalla stessa Erretifilm.  Per la sua attività hobbistica, la moglie di Angelo Balducci ha ricevuto 250 mila euro come capitale sociale da un imprenditore, Vanessa Pascucci, proprietaria al 50 per cento della Arsenale scarl costituita per fornire manodopera al cantiere principale del G8. 

Vanessa Pascucci inoltre possiede per hobby il 90 per cento di un’altra impresa, la Minerva società consortile, amministrata per hobby da Daniele Anemone, 34 anni, titolare al 98 per cento dell’Impresa Anemone costruzioni: per puro caso proprio la ditta che si è aggiudicata 217 milioni di euro di soldi pubblici, 4 euro ogni italiano, cioè la fetta più grossa del contratto per le opere del G8 alla maddalena. Neonati compresi. Un record. Anche perché la Anemone, dichiara soltanto 26 dipendenti. Appalti affidati proprio al coordinamento di Balducci.  Non serve un’altra inchiesta del settimanale per notare che trattasi di una vicinanza curiosa, ma che non configura nessun reato. Allora perché il presidente del Consiglio superiore dei Lavori pubblici non ne parla nella sua relazione a Bertolaso?  E davvero a Palazzo Chigi nessuno sapeva?

Lascia un commento