UN ATTENTATO A ROSETO ? ECCHISSENEFREGA

UN ATTENTATO A ROSETO ? ECCHISSENEFREGA

L’attentato ci mancava. Già lo so. Lo sento. Per fortuna che c’è sanremo  e nessuno abbotterà cò questa storia dell’attentato. A Roseto. Mentre c’è  Sanremo. Ma pure stìmafiosi, dico io, ma non lo vedono Sanremo ? C’è Diletta, ma che non la guardano ? Ma che sono ricchioni ? Mastatevi alla casa vostra cammmorristi, che tira pure il vento. Adesso pure un attentato ci mancava. Fatemi il piacere, io non voglio sapere niente. A me non me ne frega niente. Chi gli tocca non s’ingrugni. Se l’attentato l’anno fatto alla pizzeria qualcosa aveva fatto. E si fosse fatto i fatti suoi, come me, se avesse pagato il pizzo, se fosse stato colluso, complice e indifferente come me, come tutte le persone perbene e benpensanti, come me, ora bello la pizzeria stava aperta e potevo guardare Sanremo mangiando una pizza, senza perdere un minuto. Fa che compare Diletta.

 Comunque io  sono perbene e benpensante, non so niente e non voglio sapere niente. E poi diciamocelo pure: chissenefrega, mica è toccato a me. Sono perbene e benpensante, il mio ideale di vita, da sempre, è essere come “Mizaru”, “che non vede”, “Kikazaru”, “che non sente” e “Iwazaru”, “che non parla”.  Sono perbene e benpensante, il mio slogan è: keppcalm e fatti i cazzi tuoi! Vivo zitto e muto qualsiasi cosa succeda, e continuo a tacere ad oltranza. Zitto e muto vivo la mia vita in ginocchio. Perché la camorra da noi non c’è:la droga a Teramo Piazza Garibaldi, a Mosciano retro uscita A14, a Giulianova zona campeggi, a Roseto parcheggio retro stazione, non c’è e se c’è arriva da sola, oppure la porta la cicogna. Zitto e muto, io sono perbene. Perché la mafia albanese non c’è: 200 giovani donne si prostituiscono a Tortoreto /Alba /Martinsicuro perché hanno voglia di scopare con i vecchi. Zitti. Muti. Il capo della nuova corona foggiana non si nascondeva a Silvi, era in vacanza. Zitti. Muti. 

Le imprese edili legate alla ndrangheta, bloccate a l’Aquila e Teramo erano qui per sbaglio. Come ? La direzione distrettuale antimafia abruzzese scrive che “Pescara è una zona d’ombra del nostro paese, un hub commerciale centrale del narcotraffico italiano, lì passa eroina, cocaina, passano armi e ci sono famiglie che hanno consolidato il controllo del territorio, in stretto contatto con la mafia di Ostia” . Vabbè, ma a Pescara, io che c’entro vivo  Teramo . Come? la Direzione Antimafia scrive che “si può parlare di una vera e propria emergenza criminalità, determinata dall’ingresso di clan campani e pugliesi anche nel tessuto economico abruzzese”. E ancora “nell’economia del turismo, della ristorazione e della ricettività le infiltrazioni di stampo mafioso sono sempre più segnalate, soprattutto sulla costa adriatica”. E ancora “ occorre diffondere una cultura antimafia che permetta di acquisire quegli strumenti conoscitivi con cui immediatamente riconoscere un fenomeno, perché non riconoscere una richiesta estorsiva o accettarla, significa concedere campo a queste organizzazioni che sono in guerra con lo Stato”.

Vabbè si lo hanno scritto, ma perché non sanno che dire. La verità è che, comunque, a me non mi interessa. Vito in ginocchio, non parlo, non sento, non parlo, io guardo Sanremo e stapposto. L’Abruzzo non è più un’isola felice ? E vivrò in un’isola infelice, che posso farci . Ndrangheta e camorra hanno ormai realizzato una presenza stabile e preponderante, e va bene ?I napoletani mi sono simpatici. In alcune aree della Regione oggi giacciono vere e proprie bombe ecologiche ? Io vado altrove e stapposto .

I rifiuti dei Casalesi furono scaricati in Abruzzo ? Come ? Secondo la Procura di Palmi c’è un antico rapporto tra i soldi della ndrangheta e la sede di Roseto della Cassa di Risparmio di Teramo. Ma veramente ? E chi se ne frega. E’ di queste ore l’attualità scottante della mafia dei pascoli ?Cosa nostra imperversa ormai anche in Abruzzo ?Agricoltori e allevatori hanno parlato espressamente di minacce, di furti di bestiame, della presenza sempre più massiccia, di società che arrivano da Puglia e Campania ? Vabbè ma io mica faccio l’agricoltore. Ci sono politici “camerieri” delle mafie ? Ci sono “facilitatori” delle società mafiose nel mondo delle opere e dei servizi pubblici ? Ma non ci credo. Ma dai! Ma non è possibile. Sicuramente è una storia inventata dal solito magistrato. L’indifferenza davanti a qualsiasi male è la principale complice del male ? Si vabbè ma sono l’uomo scimmia, voglio solo sapere chi vince Sanremo ?

Lascia un commento