You are currently viewing VIOLENZA SU ROMA: ALEMANNO E LA SUA AMICA GIULIA

VIOLENZA SU ROMA: ALEMANNO E LA SUA AMICA GIULIA

  • Autore dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Giulia Pellegrino, 25 anni, cubista romana, licenza media,  un calendario richiestissimo, una vocina da bimba e un corpo da sexbomb che l’ha portata su YouTube ad essere una delle sister, vallette sexy di un tg sportivo. Ora è la segreteria del direttore industriale  dell’Atac Marco Coletti. Silvio docet. Giulia non è laureata ma le sue tette sono da master! L’azienda è a rischio fallimento, fatiscenti, con il 34% di corse in meno, e il 1 gennaio aumenterà il biglietto ai romani. Una segretaria così può aiutare il direttore a risolvere i problemi? Come per Elena Russo, l’attrice più amata dal presidente, protagonista del nuovo video sulle bellezze di Napoli, pagato dalla presidenza del consiglio, non sono stati i titoli a farle vincere il concorso.

Perché, anche se previsto, il concorso non c’è stato. Comincia ad essere chiara a tutti l’accezione che il centrodestra, e in particolare gli Alemanno boys, hanno del concetto di servizio pubblico: un luogo dove, a spese del pubblico, cioè tutti quanti noi, rendere un servizio a coniugi, parenti, figli, affini e conoscenti vari. Una vera e propria parentopoli con mogli, figli, generi di potenti della politica romana e anche una ex cubista. È incredibile il declino non solo economico ma anche morale delle aziende del Gruppo Campidoglio oramai da due anni e mezzo. Dopo le note vicende in Ama adesso è la volta di Atac le cui 800 e passa assunzioni hanno fatto lievitare di circa 50 milioni di euro i costi dell’azienda.

Di questa triste vicenda l’aspetto più rilevante che sembra emergere è la fitta rete di parentopoli e affiliati politici fino alla nota di colore di una cubista molto nota nei locali notturni romani La risposta a tutti quelli che si chiedevano da dove venisse il deficit che sta portando l’Atac sull’orlo del fallimento, e in particolare a coloro che dai banchi della maggioranza comunale si sono affrettati a scaricare le colpe sulle giunte precedenti, è semplice: 854 assunzioni per chiamata diretta negli ultimi 2 anni, per un costo di 50 milioni di euro l’anno. Un insulto a tutti i romani, coloro che usufruiscono di mezzi pubblici sempre più scadenti.

Lascia un commento